5 cose interessanti da sapere questa mattina sulla Roma – 23/09/2019

23/09/2019 di Rudi

Terza vittoria consecutiva, tra campionato ed Europa League, e una carica incredibile che il successo di Bologna ci lascia in questo lunedì di settembre.

Vi siete ripresi dall’esultanza al gol di Dzeko???

1 – Fonseca ha detto che conta vincere e che si è adattato

Etichettato con superficialità da qualcuno come il “nuovo Zeman” dopo un pareggio (eh già), Fonseca invece ha dato dimostrazione di essere flessibile e di sapere adattare i suoi principi di gioco al contesto e agli avversari.

Ha corretto alcune cose che non hanno funzionato contro Genoa e Lazio e ieri lo ha ribadito: «So che le partite in Italia sono sempre pericolose, anche quando abbiamo la palla possiamo correre dei pericoli. Le altre squadre hanno qualità. Ma se vediamo la situazione dall’inizio possiamo vedere che qualche cosa abbiamo cambiato. Ci siamo adattati e credo che questo modo di giocare sia più realista. Io lo sono. Mi piace un buon calcio, ma per prima cosa importa vincere. Per me va bene anche vincerle tutte come stavolta».

Ora la Roma è quarta con otto punti dietro all’Inter (12), Juventus (10) e Napoli (9).

La prossima giornata

Martedì
Verona-Udinese (19)
Brescia-Juventus (21)

Mercoledì
Roma-Atalanta (19)
Fiorentina-Sampdoria (21)
Genoa-Bologna (21)
Inter-Lazio (21)
Napoli-Cagliari (21)
Parma-Sassuolo (21)
Spal-Lecce (21)

Giovedì
Torino-Milan (21)

2 – C’era il rigore per il Bologna?

Noi di Rudi ci siamo divisi: per Patrizio non c’era, per Valerio sì.

Secondo la moviola della Gazzetta dello Sport, “al 53′ Pairetto assegna il rigore al Bologna per il tamponamento tra Kolarov e Soriano: la sua valutazione è che l’attaccante del Bologna abbia anticipato di un soffio il laterale della Roma. Calvarese dalla Var conferma”, scrive Alessandro Catapano.

D’accordo Edmondo Pinna sul Corriere dello Sport: “Soriano anticipa di un pelo (lo scarpino grigio arriva prima di quello giallo fluo del serbo) l’intervento di Kolarov, che lo colpisce con la gamba/fianco destro, netto il penalty”.

Interessante l’analisi di Luca Marelli, ex arbitro, che segnala la visuale non certo ottimale di Pairetto nell’azione: “La linea di visione approssimativascrive sul suo blognon ha impedito a Pairetto di assumere una decisione tecnica che può tranquillamente essere condivisa. Kolarov entra con molta, forse eccessiva foga sull’avversario, di fatto travolgendolo con il corpo e con la gamba destra. A mio parere il rigore è una scelta corretta”.

Nell’articolo sul blog ci sono anche gli altri casi analizzati: è una lettura che ti consigliamo, c’è anche un dettaglio interessante legato all’espulsione di Mancini.

3 – Come sta la Roma e come sta l’Atalanta?

Mercoledì, nel turno infrasettimanale, arriverà l’Atalanta all’Olimpico (alle 19). Vedremo una Roma diversa da quella di ieri: Mancini è squalificato e probabilmente giocherà Juan Jesus, aspettando di capire se Smalling potrà essere convocato. Spinazzola e Zaniolo sono altri due cambi possibili.

L’Atalanta ieri invece non ha vinto, ma è riuscita a rimontare due gol alla Fiorentina: dopo l’autogol di Palomino e il raddoppio di Ribery, sono arrivate nel finale le reti di Ilicic e Castagne per il 2-2 conclusivo. La squadra di Gasperini ha qualche problema in difesa: in cinque partite, tra campionato e Champions League, ha subito 12 gol.

4 – Ancora un caso di razzismo

Ormai viaggiamo a un caso alla settimana. L’ultimo episodio di razzismo nel calcio italiano è accaduto a Parma, durante la partita tra Atalanta e Fiorentina. Una parte dei tifosi bergamaschi ha preso di mira il brasiliano Dalbert e la cosa stavolta è stata notata dall’arbitro, Orsato, che ha sentito le offese e i cori contro il giocatore e ha interrotto la gara al 29′ per tre minuti. «Alla prossima, la partita finisce», è il labiale attribuito dai principali quotidiani all’arbitro dopo l’annuncio dello speaker dello stadio che ha ribadito il divieto, accolto dai fischi.

La partita è ripresa dopo 3 minuti senza altre interruzioni: l’Atalanta ora rischia una sanzione. L’episodio intanto è stato condannato dal presidente della Fifa, Gianni Infantino, a 90° Minuto: «In Italia la situazione del razzismo non è migliorata e questo è grave. Bisogna essere pesanti, i responsabili vanno identificati e buttati fuori dagli stadi».

Il calcio italiano può continuare a fare finta che il problema non esista?

5 – Ha vinto anche la Roma Femminile

Ieri è stata una giornata perfetta perché anche la Roma Femminile ha vinto la sua partita di campionato: 2-0 fuori casa alla Fiorentina, una delle favorite per lo scudetto. Ma di questo te ne parliamo meglio in questo articolo.