6 numeri interessanti sul momento della Roma

22/10/2019 di Valerio Albensi

statistiche as roma 2018-19

Sei numeri interessanti per capire meglio il momento attuale della Roma, quando sono state giocate dieci partite stagionali. Cominciamo da quelli negativi.

7,1

La percentuale di posizionamenti offensivi con conclusione della Roma contro la Sampdoria, il minimo stagionale. La squadra di Fonseca si è posizionata 28 volte in attacco, ma è riuscita ad andare alla conclusione solo in due occasioni, segno che contro il muro difensivo della Samp serviva maggiore qualità nelle scelte e nei passaggi e più coraggio negli uno contro uno.

La Roma non segna: cosa le sta succedendo?

La tendenza delle ultime partite evidenzia le difficoltà in zona gol della Roma: la squadra gioca all’attacco, ma fa fatica a creare grandi occasioni.

Le assenze prolungate di uomini creativi come Pellegrini, Mkhitaryan e Perotti hanno penalizzato la qualità del gioco, come era facile pensare.

0,31 xG

Il valore di Expected Goals (xG) prodotti dalla Roma in casa della Sampdoria. Secondo i dati di WyScout.com, la Roma non si fermava a un livello più basso da Roma-Napoli 1-0 del 25 aprile 2016: 0,22 xG.

0

Sono i tiri in porta di Justin Kluivert nelle ultime cinque partite stagionali giocate. Dopo il gol e la buona prestazione contro l’Istanbul Basaksehir (19 settembre), l’olandese ha migliorato le proprie prestazioni difensive, ma ha annullato quasi completamente la sua pericolosità in attacco.

Zero tiri tentati contro Bologna, Cagliari e Sampdoria, due tiri fuori contro il Lecce e altri due contro il Wolfsberger per un totale di 0,13 Expected Goals complessivi in cinque partite. In questo periodo, per Justin zero gol realizzati, zero assist e 0,60 Expected Assist prodotti.

0,062

È il valore di non-penalty expected goals per tiro (NPxG/tiro) concessi dalla Roma alla Sampdoria domenica ed è il più basso delle otto partite finora giocate in Serie A. I NPxG sono gli expected goals senza i rigori e gli autogol concessi per ogni conclusione: più il valore è alto, più gli avversari hanno prodotto conclusioni mediamente pericolose.

Il dato della Roma nelle ultime partite è in diminuzione, segno che la tenuta difensiva generale della squadra è in aumento.

La Roma difende meglio, è più intensa e pressa meglio anche gli avversari. Il valore di PPDA (passaggi consentiti per azione difensiva) è ulteriormente sceso dall’inizio della stagione e ora è a 8,76, il quinto più basso della Serie A.

4,97 e 68,2%

Sono rispettivamente i duelli difensivi ogni 90 minuti e la percentuale di duelli riusciti di Chris Smalling nelle sue prime partite in Serie A.

Per avere un termine di paragone con un altro difensore a caso che mi viene in mente, Kostas Manolas per esempio, Smalling sta facendo leggermente meglio come numero di duelli (4,42 quelli del giocatore del Napoli), ma ne vince di più: 68,2 contro 51,9 per cento).

Bene anche Gianluca Mancini: 6,59 duelli difensivi ogni 90 minuti con il 64,4 per cento di successo.