Cosa voleva dire Fabio Capello su Zaniolo?

24/10/2019 di Rudi

Molti tifosi della Roma ci sono rimasti male e su Twitter stanno esprimendo tutto il loro disappunto per le parole pronunciate da Fabio Capello su Nicolò Zaniolo.

Cosa ha detto Don Fabio e a che si riferiva?

Ieri sera Capello era ospite in studio a Sky Sport per il commento ai risultati della Champions League insieme a Cambiasso e a Paolo Condò. Al termine delle partite, ai microfoni dell’inviato di Sky in collegamento da San Siro è arrivato il giovane Sebastiano Esposito, centravanti dell’Inter, che aveva appena fatto il suo esordio in Champions contro il Borussia Dortmund all’età di 17 anni, 3 mesi e 21 giorni, prima ancora di fare quello ufficiale in Serie A. Esposito, una volta entrato, ha procurato un calcio di rigore (poi fallito da Lautaro) e durante l’intervista è stato riempito di consigli e complimenti dai presenti in studio.

A un certo punto Paolo Condò si è detto contento di vedere calciatori giovani che fanno l’esordio e ha ricordato il precedente della scorsa stagione di Zaniolo, anche lui esordiente prima in Champions (con Di Francesco) e poi in Serie A. E’ in questo momento che l’allenatore del terzo scudetto romanista ha pronunciato una battuta che molti hanno giudicato infelice: «Ecco, non prendere quella strada», ha detto rivolto al giocatore interista. (Qui trovi il filmato dell’episodio).

A cosa si riferiva Capello? Condò lo ha invitato a chiarire il suo pensiero, ma è intervenuta subito Ilaria D’Amico, conduttrice in studio, che ha aggiunto: «No, nel senso che Zaniolo poi dall’Inter è andato in un’altra squadra invece lui gli augura di rimanere in squadra…». Per molti romanisti però quelle parole sono sembrate fuori luogo e sui social hanno criticato Capello.

La strada di Zaniolo

Negli ultimi mesi si è parlato tanto di Zaniolo, della sua crescita, del suo rendimento, dei suoi errori. Ne avevamo scritto qui un bel riassunto. Ma cosa dobbiamo davvero rimproverare a un ragazzo classe 1999 che da una stagione mezzo sta dando tutto per la Roma? Esordio in Serie A e in Champions (da titolare a Madrid contro il Real) a 19 anni, primo gol in campionato a dicembre, una doppietta negli ottavi di finale di Champions League (è stato il calciatore italiano più giovane di sempre a riuscirci), miglior giovane della stagione 2018-19 (la patch blu sulla sua maglia lo ricorda).

Se questa è la strada intrapresa da Zaniolo, auguriamo al giovane Esposito di imboccarla quanto prima. A chiudere la polemica è arrivato anche il commento della madre, Francesca Costa, che ha scritto un messaggio pubblico per Nicolò: “Sarò pure tua madre ma la tua strada te la sei segnata tutta da solo ed è un esempio per tantissimi ragazzini che ci scrivono ogni giorno inseguendo il tuo sogno e sperando di essere come te… Tu che a 19 anni hai esordito in Champions, tu che a 19 anni hai fatto doppietta nella stessa competizione, dice tanto il più giovane italiano a riuscirci… Tu che a 19 anni hai esordito in Nazionale maggiore, tu che a 19 anni sei stato eletto miglior giovane della Serie A 2018-2019… Tu che a 20 anni vanti già 47 presenze con l’AS Roma con 7 gol e 3 assist… Tu che per me dovresti essere e continuare a essere un esempio e non una strada da evitare per tutti i tuoi coetanei, i più giovani e i più grandi, compreso il bravissimo Esposito. Sperando che tutta questa campagna della quale non comprendo il motivo non ti destabilizzi… ti adoro”.