Qualcosa non quadra nei numeri della Roma con o senza Cristante

04/02/2020 di Rudi

Da un paio di giorni girano nel Twitter dei numeri relativi alle prestazioni della Roma con e senza Bryan Cristante titolare.

Dovrebbe partire tutto da questo tweet, poi ripreso da diversi siti.

Va detto che questo dato contiene una prima forzatura di fondo e cioè attribuisce a un solo giocatore su undici la responsabilità di un risultato negativo.

Poi va anche detto che i numeri non sono precisi perché nelle partite con Cristante titolare in Serie A l’autore del tweet e chi ha ripreso il dato trasformandolo in una notizia hanno inserito anche Sampdoria-Roma, una partita in cui il centrocampista è rimasto in campo per ben sei minuti.

via GIPHY

Considerando anche le partite di Coppa Italia ed Europa League (che contano, eh?), Cristante è partito titolare 12 volte in questa stagione e quattro volte la Roma ha vinto, cinque ha pareggiato e tre ha perso.

Con Cristante in campo, per esempio, la squadra di Fonseca ha giocato la sua miglior partita stagionale per la qualità del gioco espresso, il derby di ritorno.

In queste 12 partite solo cinque volte (meno della metà) il centrocampista della Roma ha potuto giocare con Mancini e Smalling, la coppia dei centrali di difesa titolari.

È del tutto evidente che rispetto a un giocatore come Amadou Diawara, con Cristante in mediana la Roma possa concedere qualcosa in più in difesa, proprio per le diverse caratteristiche dei giocatori.

Allargando però il discorso non solo alle vittorie e alle sconfitte, ma anche ad altri indicatori sulla qualità del gioco i dati delle 12 partite Cristante e delle 17 senza di lui dal primo minuto non sono poi così diversi.

Nelle partite con Cristante dal primo minuto, esclusa Samp-Roma, la squadra ha fatto leggermente meglio da un punto di vista offensivo: ha prodotto qualche occasione in più (2,09 expected Goals contro 1,99, 14 tiri fatti in media contro 12,8), ha avuto una capacità realizzativa simile (22 gol fatti in 12 partite rispetto a 33 in 17 partite), ha perso meno palloni in media (89 contro 98), ma anche recuperato qualche pallone in meno (68 contro 75).

In generale, la squadra con Cristante tende a stare leggermente più alta (54,2 metri di baricentro medio contro 52,45). La Roma ha concesso più gol (19 in 12 partite contro 17 in 17 gare), ma da un punto di vista delle occasioni per gli avversari siamo lì: 1,28 xG concessi e 8,5 tiri a partita con Cristante titolare, 1,18 xG concessi e 8,7 tiri in media degli avversari senza.

Contro il Sassuolo, Cristante è stato tra i peggiori della Roma, è inutile negarlo: ha perso la bussola, ma è stato poco sostenuto dai compagni nella pressione. Tutta la squadra, non solo Cristante, è passata dalla migliore prestazione stagionale alla peggiore. Forse bisognerebbe ricordarselo prima di identificare un solo giocatore come la causa di mancanza di equilibrio.