Florenzi è l’acquisto che serve alla Roma

15/12/2019 di Patrizio Cacciari

In un turno di campionato favorevole, abbiamo fatto il nostro battendo la Spal e allungando a più 4 sull’Atalanta e a più 11 sul Napoli. Se ci mettiamo il pareggio casalingo del Milan contro il Sassuolo e lo scontro diretto di lunedì sera tra Cagliari e Lazio, il 3-1 della Roma sulla Spal vale doppio. Ora manca solo la trasferta di Firenze (venerdì ore 20.45) prima della sosta natalizia e potremo tirare un primo bilancio.

Archiviata la qualificazione ai 16esimi di Europa League, seppur da secondi nel girone, chiudere questa prima parte della stagione tra le prime quattro in classifica sarebbe importante, in attesa di recuperare gli infortunati e in vista della finestra di mercato di gennaio, dove Petrachi potrebbe valutare alcune operazioni sia in entrata che in uscita.

Non ha segnato Edin Dzeko, alla 200esima presenza con la Roma (96 reti), ma si è guadagnato il rigore del vantaggio, trasformato dal cecchino Perotti, in crescita rispetto a qualche settimana fa. Ha quasi ritrovato il gol Lorenzo Pellegrini, vedremo se la Lega assegnerà a lui il gol nonostante la deviazione decisiva di Tomovic sul suo tiro-cross. Lollo è apparso poco incisivo nel primo tempo, mentre nella ripresa ha trovato i colpi giusti per far cambiare marcia alla squadra.

Tra le cose belle di giornata c’è la prestazione di Florenzi, ancora titolare dopo la brutta partita di giovedì sera, ancora con la fascia al braccio. Alessandro, da terzino destro, è stato uno dei migliori in campo, ha sbagliato pochissimo e ha fornito l’assist per il terzo gol di Mkhitaryan. Dalla sua parte stavolta non c’erano particolari pericoli, ma questo non toglie nulla alla sua pagella positiva. Privarsi di un giocatore del genere a gennaio sarebbe un errore. Florenzi è ormai maturo ed esperto, sta accettando le scelte dell’allenatore e si sta facendo trovare pronto. La stagione a gennaio entrerà nel vivo, con la Roma impegnata in un assurdo tour de force serale nei mesi più freddi dell’anno. A proposito, ma è davvero normale quel calendario? Ci sarà bisogno dell’apporto di tutti, soprattutto di quelli di cui ci possiamo fidare. E Florenzi è uno di quelli, anche da un punto di vista fisico.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Ti meriti tutto il meglio,grande CAPITANO ti voglio bene 💛❤️ #forzaroma

Un post condiviso da Nicoló Zaniolo (@nicolozaniolo) in data:

Dopo il terzo gol tutta la squadra è andata ad abbracciare il suo capitano. Un segnale importante. Florenzi è stimato dal gruppo. Lo ha capito anche Fonseca: «Florenzi ha giocato molto bene oggi – ha dichiarato a Sky – Come ho sempre detto è un grande professionista, non ho nessun problema con lui. A volte sono mie scelte. Non ho nessun problema con lui, infatti sta giocando. Non c’è alcun problema». Recuperarlo facendogli sentire stima sarebbe un grande acquisto per la Roma.

C’è un dato statistico curioso dopo la vittoria contro la Spal: in tutte le nove precedenti stagioni nell’era dei tre punti in cui la Roma ha conquistato almeno 32 punti dopo le prime 16 gare di campionato, ha poi sempre chiuso il torneo nelle prime tre posizioni. Crediamoci, insieme si può.