Speranza Pellegrini? Zaniolo “falso nueve” e altre cose da sapere

23/10/2019 di Rudi

Meno un giorno a Roma-Borussia Mönchengladbach di Europa League.
Facciamo il punto della situazione.

1 – Come sta la Roma? Chi recupera per il Borussia?

Non bene e purtroppo lo sappiamo. Bryan Cristante dovrà aspettare una decina di giorni prima di sapere se sarà meglio operarsi oppure no dopo il distacco del tendine dell’adduttore della coscia destra. In ogni caso, i tempi previsti per il rientro si aggirano intorno ai tre-quattro mesi. Potrebbe volercene uno in meno per Nikola Kalinic, ma comunque non rivedremo entrambi prima del 2020.

Tutti gli infortunati e i tempi di recupero, e gli infortuni del passato nella nostra pagina del sito.

Roma, tutti gli infortunati e i tempi di recupero

Contro il Borussia non rivedremo neanche Cengiz Ünder né Mkhitaryan che ieri ancora non sono riusciti ad allenarsi con il gruppo. Se ne riparlerà per il Milan, anche se le possibilità di una convocazione per domenica calano con il passare dei giorni.

Fonseca ha gli uomini contati per la coppa (giovedì, ore 18.55) e per il campionato.

2 – Cosa farà il mister? E su Zaniolo…

Oggi Fonseca parlerà in conferenza stampa alle 13.30: accanto a lui ci sarà Gianluca Mancini. Domani non dovrebbe cambiare modulo, è più probabile che porti avanti il 4-2-3-1 adattando qualche giocatore nei ruoli scoperti. In mediana, accanto a Veretout, si giocano il posto Pastore e Santon. In attacco, Dzeko sarà chiamato ancora una volta a sacrificarsi giocando con la maschera di protezione; alle sue spalle, dovrebbero andare Kluivert, Zaniolo e Perotti. Potrebbe riposare Kolarov e al suo posto giocherebbe Spinazzola.

Capitolo Zaniolo. Secondo La Gazzetta dello Sport di questa mattina, Fonseca sta pensando alla possibilità di schierarlo come punta centrale nei prossimi impegni: Kalinic è fuori, Dzeko gioca in condizioni precarie e forse Nicolò è quello che ha le caratteristiche migliori per adattarsi. Un anno fa, più o meno, giocò “nove” contro il Genoa all’Olimpico, ma l’esperimento non fu granché.

Secondo Il Tempo, comunque, l’allenatore ha provato la difesa a tre in allenamento.

È un momento complicato e i tanti infortuni incidono, ma la squadra può comunque fare meglio davanti: a Genova abbiamo visto troppo poco coraggio negli uno contro uno, poco spirito di iniziativa soprattutto dagli esterni.

I tedeschi sono un’ottima squadra: finora hanno faticato in Europa League (clamoroso 0-4 casalingo contro il Wolfsberger e 1-1 in Turchia contro il Basaksehir), ma stanno volando in campionato con un sorprendente primo posto. Giocano un calcio molto aggressivo e offensivo, ad altissima intensità, e in questo momento per la Roma può essere un problema, viste le tante assenze. Oggi, su Rudi, ti parleremo di loro in maniera più approfondita.

3 – Pellegrini può rientrare in anticipo?

Secondo Fabio Massimo Splendore del Corriere dello Sport, è una possibilità che verrà valutata nei prossimi giorni anche se non sarà facile. Lorenzo Pellegrini è diventato fondamentale per la rifinitura della Roma e la sua assenza pesa. È fuori dal 29 settembre (Lecce-Roma)  per la frattura del quinto metatarso destro e, da protocollo, il rientro sarebbe stimabile in circa due mesi, quindi fine novembre. Lunedì ci sarà un consulto per capire come sta l’osso: Lorenzo vorrebbe accorciare i tempi, rubare qualche partita al calendario, magari provare a rientrare per Roma-Parma del 10 novembre o Roma-Brescia del 24. Se questo è un sogno troppo rischioso saranno i medici a stabilirlo.

4 – È uscita la seconda puntata del Rudi Show

Seconda puntata del Rudi Show (anche detto “Il tribunale di Rudi”), il podcast sulla Roma che ti dà la carica mentre fai sport, ti schiarisce i pensieri mentre sei in macchina o in treno per andare a lavorare, e ti rilassa se lo ascolti mentre porti fuori il cane.

Tanti ospiti in questa seconda puntata: Riccardo Cotumaccio, Romanista Razionale e Francesco “French” Deriu.

I temi:

🌠 Omaggio a Cesar Gomez
⛔ Perché la Roma non segna più?
💡 Cosa può fare Fonseca? Cambiare modulo?
🔥 Da chi vi aspettate di più?

+ varie ed eventuali

Lo puoi ascoltare su Spreaker a questo link, ma lo trovi anche su Spotify e Podcast Addict cercando “Rudi Show”.

5 – Perché l’Atalanta sta andando così male in Champions?

Undici gol subiti e solo due segnati nelle prime tre partite della sua storia in Champions League. Anche ieri per l’Atalanta è stata una serata europea amara, ma almeno ha l’attenuante dell’avversario, il Manchester City di Pep Guardiola. Il 5-1 finale forse è un po’ troppo pesante per i nerazzurri, che restano a zero punti e a tre partite dalla fine sono ad alto rischio eliminazione e in difficoltà per un ripescaggio in Europa League.

Ah, se vuoi rivedere gli highlights della partita li trovi qui.

In queste partite l’Atalanta ha pagato un filo di inesperienza, ma soprattutto uno stile di gioco che in Europa difficilmente le può consentire di ottenere i risultati del campionato italiano. Per farla breve e semplificare, se basi il tuo gioco in gran parte sui duelli individuali a tutto campo, farai fatica a dominare quegli avversari che nei duelli invece sono molto forti e possono costantemente creare superiorità numerica.

Ieri sera ha vinto invece la Juventus, rimontando lo svantaggio in casa contro la Lokomotiv Mosca: doppietta di Dybala, 2-1 ai russi e primo posto del girone insieme con l’Atletico Madrid (1-0 al Bayer Leverkusen).

Gli highlights di Juve-Lokomotiv.

Serata di Champions senza grosse sorprese: hanno vinto il Psg (doppietta di Icardi nel 5-0 in trasferta al Bruges), il Real Madrid (1-0 fuori casa al Galatasaray), il Bayern (3-2 all’Olympiacos in Grecia) ed è tornato a sorridere anche il Tottenham (5-0 alla Stella Rossa).

Stasera Inter-Borussia Dortmund e Salisburgo-Napoli alle 21. Da seguire Ajax-Valencia alle 18.55.

Consigli di lettura

Un po’ di pezzi che abbiamo pubblicato su Rudi e che potrebbero interessarti, se ti sono sfuggiti.

Quali sono le squadre più “fortunate” della Serie A dopo 8 giornate?

6 numeri interessanti sul momento della Roma

«”Per la Roma” è l’unico modo di intendere il calcio»