Roma-Milan, chi torna? Il futuro di Smalling, Rodwell-Buchel e altre cose da sapere

26/10/2019 di Rudi

Messa da parte l’amarezza per il finale di Roma-Borussia Mönchengladbach, è già tempo di pensare alla prossima partita. Domani, alle 18, all’Olimpico arriverà il Milan: vediamo come sta la Roma.

1 – Verso Roma-Milan: può recuperare qualcuno?

Difficile, probabilmente solo Santon. Alle 10, in conferenza stampa, Paulo Fonseca ci darà qualche informazione in più. La sensazione è che rispetto a Roma-Borussia la situazione legata alle assenze sia addirittura più grave, visto che di sicuro mancherà Justin Kluivert, squalificato. Per il rientro di Cengiz Ünder e Mkhitaryan bisognerà aspettare ancora mentre domani potrebbe essere l’occasione giusta per vedere Perotti dal primo minuto.

Fonseca potrebbe proporre il 4-1-4-1 visto soprattutto nella prima ora della partita contro i tedeschi, assetto che prevede Mancini mediano davanti alla difesa.

Ah, ieri abbiamo analizzato la sua prova qui.

Gianluca Mancini è il mediano che non ti aspetti

Questa potrebbe essere la formazione di domani: Pau Lopez; Spinazzola, Smalling, Fazio, Kolarov; Mancini; Zaniolo, Florenzi, Veretout, Perotti; Dzeko.

Pastore dovrebbe partire dalla panchina. C’è il dubbio Santon a centrocampo: il ballottaggio è con Mancini.

Per Edin sarà una partita significativa: toccherà le 190 presenze ufficiali con la maglia della Roma, una in più di quelle raggiunte con il Manchester City, e il nostro club diventerà quello più importante della sua carriera, come ricorda La Gazzetta dello Sport.

Arbitrerà Orsato, al Var ci sarà Irrati. Fischio d’inizio alle 18, come detto: la partita sarà trasmessa in diretta da Sky.

Ieri nell’anticipo della nona giornata, vittoria del Sassuolo in casa del Verona (0-1, Djuricic su rigore). Oggi altri tre anticipi: Lecce-Juventus (15), Inter-Parma (18) e Genoa-Brescia (20.45).

2 – Come sta il Milan di Pioli?

C’è un’aria molto positiva in casa rossonera dopo il cambio in panchina. Theo Hernandez, alla Gazzetta, ha detto che i giocatori adesso si sentono più liberi di esprimersi. Contro il Lecce (2-2), Pioli ha schierato la squadra con il 3-2-2-3 e l’esterno francese è stato la chiave che ha mantenuto l’equilibrio della squadra. Dovremmo rivedere Leao punta centrale, con Piatek inizialmente in panchina. Confermati Calhanoglu e Suso.

3 – Rodwell e Buchel: chi resta?

La Roma sta valutando la possibilità di ingaggiare un centrocampista svincolato per tamponare l’emergenza. Scese le quotazioni di Hallfredsson, a Trigoria si stanno allenando Jack Rodwell e Marcel Buchel, entrambi di 28 anni.

Il primo, ex promessa del calcio inglese, soprattutto fino al 2017 è stato frenato da qualche infortunio di troppo e nell’ultima stagione ha giocato nel Blackburn. Il secondo, nazionale del Liechtenstein, nell’ultimo campionato è rimasto ai margini della rosa dell’Empoli. I due sono stati già sottoposti alle visite mediche e nei prossimi giorni la Roma scioglierà le riserve: dopo i provini, deciderà se confermare uno dei due o nessuno.

4 – Smalling ha convinto tutti

Secondo Filippo Biafora de Il Tempo, tra Roma e Manchester United si sta cominciando a parlare di stabilire una cifra per il riscatto di Chris Smalling, giocatore arrivato in prestito secco.

Nelle prossime settimane ci sarà un incontro tra i dirigenti dei due club per intavolare un accordo. Quello che è certo è che il difensore inglese a Trigoria ha convinto tutti e c’è la volontà confermarlo.

5 – Più Var per tutti

L’errore di Collum in Roma-Borussia fa male, ma fa ancora più male sapere che oggi tutte le fasi della Champions League sono coperte dal Var mentre in Europa League è previsto solo a partire dal 20 febbraio, dall’inizio della fase a eliminazione diretta. Una disparità difficile da digerire. Dalla prossima stagione, comunque, anche la seconda coppa europea dovrebbe avere i Var anche nella fase a gironi, stando a quanto riportano più fonti giornalistiche stamattina.

Comunque guardiamo avanti, almeno proviamoci.

Chi se ne frega del furto, ieri ho rivisto in campo la Roma

6 – Clamoroso Leicester: 0-9 al Southampton

Clamoroso in Premier League. Il Leicester City ha vinto 9-0 in casa del Southampton, un risultato inspiegabile. La squadra allenata da Brendan Rodgers ha chiuso il primo tempo con un netto 0-5, approfittando anche dell’espulsione di Bertrand. Nel secondo tempo, altri quattro gol fino all’incredibile 0-9 finale segnato da Vardy su rigore. Le reti: triplette di Perez e Vardy, in gol anche Chilwell, Tielemans e Maddison.

È la vittoria esterna più larga di sempre in Premier League.