Tutto quello che c’è da sapere sulla Roma Femminile 2019-20

13/09/2019 di Rudi

L’appuntamento, come al solito, è al Tre Fontane. La Roma Femminile è pronta per iniziare la sua seconda stagione e domenica affronterà in casa il Milan nella prima giornata del campionato.

Dopo il quarto posto della scorsa annata, la squadra allenata da Betty Bavagnoli riparte con l’ambizione di spingersi più in alto, magari arrivando a una qualificazione alla Champions League (che vorrebbe dire primi due posti in classifica). Conosciamo meglio la nuova Roma.

via GIPHY

Principali acquisti: Manuela Giugliano (c, Milan), Andressa Alves da Silva (a, Barcellona), Camelia Ceasar (p, Milan), Kaja Erzen (c, Tavagnacco), Andrine Hegerberg (c, Psg), Amalie Thestrup (a, BSF), Lindsey Thomas (a, Digione), Tecla Pettenuzzo (d, Sassuolo), Emma Severini (c, Fiorentina)

Chi ha salutato: Camilla Labate (a, Sassuolo), Luisa Pugnali (a, Sassuolo), Emma Lipman (d, Florentia), Martina Piemonte (a, Betis Siviglia), Trudy Carter (a), Jenny Bitzer (d), Flaminia Simonetti (c, Empoli)

Com’è andata la scorsa stagione?

Molto bene. In campionato, la Roma ha chiuso al quarto posto, a ridosso delle corazzate Juventus, Fiorentina e Milan: la squadra, alla sua prima stagione, è partita a rilento, ma con il passare delle settimane è cresciuta l’intesa in un gruppo composto da calciatrici di esperienza (Bernauer, Bartoli e Lipman su tutte) e da giovani di grande prosettiva. È mancata una vittoria contro una delle tre big e forse questo è l’unico piccolo rammarico. In Coppa Italia, l’avventura delle nostre ragazze si è fermata in semifinale contro la Fiorentina.

Un resoconto completo sulla prima stagione della Roma Femminile è qui.

Cosa può succedere quest’anno?

La Roma parte per migliorare il quarto posto e lottare per un piazzamento Champions League, le prime due posizioni della classifica. È un obiettivo ambizioso, ma la squadra è migliorata parecchio grazie a un mercato che ha portato a Roma giocatrici importanti.

I colpi principali sono Andressa Alves, attaccante brasiliana di grande esperienza proveniente dal Barcellona, e Manuela Giugliano, centrocampista che è stata una delle stelle della Nazionale ai Mondiali di quest’anno. Sono poi rimaste molte delle migliori calciatrici della scorsa stagione: Vanessa Bernauer, Annamaria Serturini, Agnese Bonfantini, Elisa Bartoli (capitano), solo per citarne alcune.

L’unica titolare che non c’è più è Emma Lipman. Sarà anche interessante vedere la maturazione di talenti come Angelica Soffia e Heden Corrado.

La squadra, insomma, è più competitiva: ci sono tanti ballottaggi per una maglia e rispetto allo scorso anno le alternative alle titolari danno maggiori garanzie. Bavagnoli è ripartita dal collaudato 4-3-3, modulo che abbiamo visto anche nell’ultima amichevole estiva, quella contro il Paris Saint-Germain al Tre Fontane. Domenica scorsa, la Roma è andata sotto di due gol, poi è riuscita a recuperare grazie ai gol di Serturini (splendida azione personale) e Bonfantini, ma ha perso ai rigori.

La concorrenza, come al solito, è agguerrita: la Juventus resta una corazzata; la Fiorentina ha cambiato poco, ma è riuscita a trattenere Alia Guagni ed è una squadra molto solida; il Milan ha chiamato Maurizio Ganz in panchinaal posto di Carolina Morace, ha fatto tante operazioni sul mercato, ma ha perso Thaisa Moreno; Inter e Sassuolo possono essere le outsider e recitare il ruolo che è stato della Roma un anno fa.

Un pezzo molto interessante sulla nuova Serie A lo trovi su Il Post. Si parla delle novità del campionato anche su l’Ultimo Uomo, se vuoi approfondire.

Si riparte dopo l’entusiasmo del Mondiale, che ha visto l’Italia spingersi fino ai quarti di finale (ko contro l’Olanda). Il campionato resta a 12 squadre e questa è la prima giornata: Inter-Hellas Verona, Orobica Bergamo-Tavagnacco, Pink Bari-Sassuolo, Juventus-Empoli Ladies, Roma-Milan, Florentia Sangimignano-Fiorentina Women. Si riparte però senza due società di Serie A maschile, l’Atalanta e il Chievo Verona, che hanno deciso di sospendere gli investimenti nel calcio femminile e hanno interrotto le collaborazioni con il Mozzanica e il Valpolicella.

La Roma scenderà in campo domenica alle 12.30, al Tre Fontane, contro un avversario fortissimo. «Il Milan ha cambiato molto, è una squadra che ha determinati valori e giocatrici, mi aspetto una partita combattuta e tosta, è la prima del campionato quindi sarà un’incognita. Valentina Giacinti è un attaccante temibile, dovremo cercare di contenere la sua velocità cercando di non lasciarla troppo sola in area di rigore», ha detto Rosalia Pipitone nel corso della trasmissione di Roma TV Women’s Weekly.

Dopo due giornate è prevista una sosta, poi quasi un mese di stop tra dicembre e gennaio, e tra febbraio e marzo; ultima giornata il 16 maggio.

Come seguire le nostre ragazze?

Al Tre Fontane: l’ingresso è gratuito. Lo scorso anno la media è stata di circa 400 presenze a partita, con picchi di 900 spettatori in gare come Roma-Juve. Possiamo fare di più per stare accanto alle nostre ragazze e le premesse sono buone, visto che a Roma-Psg c’erano circa mille persone presenti. La speranza è che diventi un pubblico più “fedele”. Ma cosa può fare la Roma Femminile? «Continuare a giocare un bel calcio – è la risposta di Serturini durante una recente intervista al Corriere della Sera -. Sembra una banalità, ma quando si parla di dodicesimo uomo in campo si parla proprio di quello che è accaduto domenica. Al mio gol ho sentito un boato incredibile».

Potrai vedere le partite della Roma anche in diretta tv: le gare della domenica alle 12.30 saranno trasmesse anche da Sky; tutte le altre le troverai su Roma TV e sul profilo Twitter ufficiale della società.

Qui su Rudi, ovviamente, ti aggiorneremo tutte le settimane sulla stagione della Roma.
Forza ragazze, daje Roma!